Scroll Top

Iniziativa pubblica “Ponte non Praticabile”, grande partecipazione e interventi qualificati per il fronte del No

baa32ad6-61fc-49d7-897e-4b4adaf12690

La custodia dell’Area dello Stretto, un piano di sviluppo per il territorio che integri mobilità, valorizzazione del patrimonio ambientale e culturale, un sì allo Stretto e No al Ponte. Sono stati questi i temi intorno a cui si è confrontata la molto partecipata iniziativa organizzata da La Strada e tenutasi presso l’aula del Consiglio Comunale di Reggio Calabria. Le numerose presenze sono state testimonianza della necessità di un dibattito pubblico sull’opera Ponte, del bisogno di ascolto da parte delle Istituzioni delle istanze e delle ragioni approfondite del No. Presenti il sindaco di Reggio Giuseppe Falcomatà, di Villa San Giovanni Giusy Caminiti, di Campo Calabro Sandro Repaci, insieme a diversi consiglieri comunali e assessori dei tre comuni. Dopo i saluti del Presidente del Consiglio di Reggio Calabria Enzo Marra e l’introduzione ai lavori del consigliere de La Strada Saverio Pazzano, sono intervenuti i senatori Nicola Irto per il PD, Giuseppe Auddino per il Movimento 5 Stelle, e, in collegamento da remoto, il deputato Angelo Bonelli per Europa Verde e Jasmine Cristallo della Direzione nazionale PD. Insieme a loro il segretario provinciale di Europa Verde Gerardo Pontecorvo e il segretario provinciale del PD Antonino Morabito, di Enzo Musolino segretario PD del circolo di Villa San Giovanni, il già consigliere regionale Mimmo Talarico del movimento Attiva Rende. Per i sindacati presenti Pino De Felice della CGIL e Aldo Libri per SUL. Tanti anche i rappresentanti della società civile, delle associazioni, dei movimenti, dei partiti tra i quali si sono segnati gli interventi di Nuccio Barillà, già assessore e consigliere comunale di RC, nonché dirigente nazionale di Legambiente per la cui associazione è intervenuto anche Angelo Raso,  di Piero Idone per il WWF, di Elio Conti Nibali del comitato messinese Invece del Ponte, di Nino Mallamaci già consigliere comunale e già assessore della primavera di Reggio Calabria, di Sergio Soraci per il Comitato No Ponte di Messina, di Maurizio Marzolla della Rete No Ponte del versante calabrese, di Francesco Zuccarello del Touring Club. Insieme a loro, nell’aula consiliare gremita, tanti attivisti de La Strada, tante altre personalità della vita sociale, culturale e politica dell’Area dello Stretto, tante persone interessate a conoscere i perché delle enormi e insanabili criticità relative al Ponte.

Chiarissime e nette le posizioni dei partiti nazionali, per un’opera che ha già tolto risorse e programmazione ai bisogni del territorio, approfondite e appassionate le analisi in tutti gli interventi. Il No ad un’opera inutile e che avrebbe un impatto estremamente negativo per il territorio è stato posto in una discussione articolata e ricca di dettagli e spunti. Tante e pressoché tutte irrisolte risultano le criticità della progettazione del Ponte, necessari risultano altre opere pubbliche e altri interventi per le due coste e per le due regioni.

In questo contesto gli attivisti hanno chiesto ai rappresentanti degli enti locali, ai sindaci una chiara posizione sul Ponte, perché le ragioni fondatissime del No trovino spazio nelle sedi istituzionali competenti. Più orientate all’aspetto burocratico-amministrativo le risposte dei rappresentanti degli enti locali e meno all’aspetto politico e alle necessarie scelte e impostazioni amministrative conseguenti. Un tratto sul quale saranno necessari ulteriori confronti e su cui si è registrata, in chiusura, la disponibilità di Giuseppe Falcomatà ad un consiglio comunale aperto, come chiesto -con riferimento anche ad un consiglio comunale aperto sullo stesso tema svoltosi  anni fa- da Nuccio Barillà in un intervento all’inizio dei lavori.

Sarà l’occasione per ulteriori approfondimenti e per ribadire, sempre in una sede istituzionale, la linea competente di un fronte ampio e plurale, nonché unito, a cui la Strada ha saputo con autorevolezza dare voce.

Post Correlati

Preferenze privacy
Quando si visita il nostro sito Web, è possibile che vengano archiviate informazioni attraverso il browser da servizi specifici, generalmente sotto forma di cookie. Qui puoi cambiare le tue preferenze sulla privacy. Si noti che il blocco di alcuni tipi di cookie può influire sulla tua esperienza sul nostro sito Web e sui servizi che offriamo.